Lombok

Lombok

Pubblicato il

ENG: Pretty close to the well known Bali but incredibly different for culture, places and landscapes. A hidden gem in the Indian Ocean still not so influenced and destroyed by mass tourism. An incredible surf and adventure place.

You will feel a different atmosphere than Bali just arriving in the harbour. Roads are bumpy and local people are really interested in you if you’re western. You might slow down in the roads due the transit of buffaloes flock. This island has the right amount of wildness and it’s the right place to lay the foundation for a tougher experience through Indonesia. This is the place you should start from!

ITA: Vicinissima alla più conosciuta Bali ma incredibilmente differente per cultura, luoghi e paesaggi. Una perla dell’ Oceano Indiano non ancora distrutta totalmente dal turismo di massa. Un posto fantastico per il surf e anche per l’ avventura in generale.

Gia sbarcando sull’isola si percepisce un’ atmosfera diversa rispetto alla vicinissima Bali. Le strade sono dissestate e la gente locale molto più incuriosita dalla figura occidentale. Non è raro rallentare in strada per via di mandrie di bufali che la attraversano. Quest’ isola è selvaggia al punto giusto e decisamente è il luogo ideale in cui gettare le basi per una esperienza più impegnativa in Indonesia.. È il posto da cui partire!

Bali

Bali

Pubblicato il

ENG: Bali, such a famous place for western people. You can ask everyone about this island and surely at least 9 people on 10 will tell you they know this place. This beautiful indonesian island is actually a mass tourism victim. I’ve been here my first time 10 years ago when Bali was already such a tourists attraction but still it was a bit different then now. Less traffic, less hotels, less crowd in the water less pollution. .  That was probably the beginning of the end. I’ve been looking for old pictures of Bali in internet and I simply could not believe how Kuta beach looked like in the 70’s.
Chinese, Japanese, Russian, Australian and American businessmen are buying, since decades, lands in Bali for some thousand dollars and building massive resorts and restaurants which will give them million dollars profits killing, in the meantime, the soul of this mystic island and destroying the nature.
The new international airport completed in 2014 it’s something that the Indonesian government it’s really proud of  but to me it sounds like another terrible mistake. Exactly like the new highway to Benoa.
Bali owns a fascinating culture, a special religion, thousands temples, incredible dances, arts, music, perfect waves and stunning places. All these stuff are slowly (not so slowly) disappearing covered by a thick, horrible surface made of pollution, prohibitions, traffic, drugs and of course money.

Thousands years of traditions are actually fading away turning into local business. Money call money and Bali was not used to that..but not even ready. Not at all!

So, once I’ve told you that I do believe that Bali still has many amazing places far from touristic routes and hotels (you’ll realise this watching the pictures at the end of this article). You just need to travel the right way! Give up commercial areas and give up travel agencies. Just book your ticket to Bali, get a map and you’ll be fine once you get there.
Get a cheap room and rent a scooter and just drive trough the island.. Don’t be scared about rain and don’ t be scared about local people. I’ve never met someone bad in remote areas of Bali. I actually met someone bad only infamous places like Kuta.

Try to rich the tip pf the mountains, find waterfalls and rice paddies. Try to be an Indonesain! These people are really hospitable and many times they invited me to sleep and eat in their houses and nobody asked for money.

There are too many preconception about Eastern people as definitely they have some about us. Our mission, if we can call it like that, is to destroy these imaginary barriers and be fine with their habits and culture. After all we are guests in their paradise..

 

ITA: Bali, un nome piuttosto conosciuto tra gli occidentali. Potete chiedere a chiunque a sicuramente almeno 9 persone su 10 avranno quantomeno sentito nominare questo posto. Questa fantastica isola indonesiana è però una vittima del turismo di massa. Ci sono stato la prima volta 10 anni fa quando Bali era giá un’ attrazione turistica  ma era ancora un tantino differente rispetto ad ora. Meno traffico, meno hotel, meno gente in acqua e meno inquinamento. Beh, quello era probabilmente l’inizio della fine. Ho cercato in internet alcune foto vecchie di Bali e non potevo credere a come Kuta beach fosse negli anni 70.

Imprenditori provenienti da China, Giappone, Russia, Australia e America ormai da decenni comprano terre a Bali per qualche migliaia di dollari costruendoci mega resort che daranno loro profitti milionari ma allo stesso tempo distruggendo la natura ed uccidendo la cultura mistica di questa isola.

Il nuovo aeroporto internazionale completato nel 2014 è davvero motivo di vanto per il governo indonesiano ma per me è solo un altro, ennesimo errore . Proprio come la nuova autostrada diretta a Benoa.

Bali è casa di una cultura affascinante, di una religione speciale, di migliaia di templi, incredibili danze, arti, musica, onde perfette e luoghi mozzafiato. Tutte queste qualità stanno lentamente (non così lentamente) scomparendo sotto una spessa coltre di inquinamento, divieti, traffico, droga e ovviamente soldi.

Tradizioni millenarie stanno svanendo nel nulla diventando solo un buon motivo per fare soldi. Denaro chiama denaro e Bali non era non era affatto abituata ne pronta a questo!

Quindi, dopo avervi detto tutto questo io sono convinto che a Bali si possano ancora trovare luoghi fantastici lontani dalle classiche rotte turistiche e dagli hotel ( capirete questo guardando le foto alla fine dell’ articolo). Quello di cui avete bisogno è semplicemente viaggiare con intelligenza! Lasciate stare le zone commerciali ed evitate le agenzie di viaggio. Semplicemente prenotate un volo per Bali, comprate una mappa dell’ isola e andrà tutto alla grande.

Una volta arrivati prendete una camera economica e noleggiate uno scooter per spostarvi attraverso l’isola.. Non fatevi spaventare ne dalla pioggia ne dalla gente locale. Nelle aree remote di Bali non ho mai incontrato nessuna cattiva persona. Questo invece mi è spesso successo nelle zone commerciali come Kuta.

Provate a raggiungere le vette delle montagne, a trovare le cascate e le coltivazioni di riso. Provate ad essere indonesiani! Questo popolo è molto ospitale e spesso mi è capitato di essere invitato nelle loro case, che fosse per dormire o mangiare, senza che nessuno abbia mai chiesto del denaro in cambio.

Esistono di fatto molti preconcetti verso gli orientali così come loro ne hanno verso gli occidentali. la nostra missione, se così possiamo chiamarla, è quella di distruggere queste barriere immaginarie e vivere in tranquillità le loro abitudini e la loro cultura. Dopotutto siamo degli ospiti nel loro splendido paradiso..

 

 

 

REPORTAGE

Sumba

Pubblicato il

ENG

 

Sumba, Indonesia.

One of the most remote and unique islands of the entire archipelago. It has an own culture. Different religion, different villages and even different appearances then the other islands. Sumba is  a tropical paradise but even one of the few places on the entire world to own original megalithic sites which are still utilized from the Marapu practitioners. Marapu is an animist religion that probably exists only in this little corner of our planet.

The megalithic sites are still hand-built in many villages for some wealthy families who will use those as family tombs. The stones for these constructions are taken and transported, with bare hands, from the closest stone cave which might be even some kilometers from the village. Everyone who’s working on it is gonna get payed with a massive lunch where you could try some delicious pigs, buffaloes or wild horses.

In Sumba animals are not killed just to be eaten. Usually are just sacrifices in order to give presents to the gods. Animal sacrifice is a basic step to make easier the reincarnation process. The more is important the death person in the village the more animals will be sacrificed that’s why many families are tumbled down after a bereavement. 

The majority of people grows rice and fruits and everyone, even children, is involved in the works. 

The woman is pretty important in the family management and women are often engaged in really tough works such as the construction of  artificial banks around the houses to keep the water outside the village in the wet season. Those constructions are made of stones picked and transported , with bare hands, from women from the river till the village.

My trip trough this place and between these people took almost one year and the first step has been actually try to get used to their curious and shocked glances at the sight of a west guy and even get used to be the reason why children run away. This was even amplified from those swords that every man, did not matter the age, was wearing on the waist. First times I have tried to don’t freak out and all my fears about that simply flew away once I realized that this is just part of their culture indeed they are constantly training themselves for the famous festival called Pasola in which swordsmen are dueling riding their horses.

My life there has been characterized especially by the research of gazes. You must work pretty hard to destroy walls made of mistrust, difference and preconception which are dividing people apparently so different but actually trough the ruins of these walls you’ll find out that we are incredibly similar humans and that’s the moment you might understand how important is a gaze so we will feed our souls just being eyes in the eyes.

ITA

Sumba, Indonesia. 

Uno dei posti piu remoti e unici di tutto l’arcipelago. Si distingue dalle altre isole per una cultura tutta a se; religione, villaggi e anche tratti somatici.

Sumba è un paradiso tropicale, uno dei pochi luoghi del pianeta nel quale sono ancora presenti siti megalitici originali ancora intatti e soprattutto ancora utilizzati per riti (prevalentemente funebri) della religione animista Marapu, i cui praticanti si trovano quasi esclusivamente in questo angolo di mondo.

I siti megalitici vengono ad oggi costruiti a mano in molti villaggi per conto di famiglie benestanti che li utilizzeranno come tombe di famiglia. Le pietre utilizzate per la costruzione dei siti vengono portate dalla cava al villaggio rigorosamente a mano. Tutti gli abitanti del villaggio impegnati nei lavori verranno ripagati con un banchetto organizzato dalla famiglia committente che darà a tutti la possibilità di assaggiare ottimi maiali, bufali o cavalli selvatici.

A Sumba gli animali non vengono quasi mai uccisi al fine di nutrirsi però ci sono sacrifici animali quasi tutti i giorni all’unico scopo di donare qualcosa agli dei. Il sacrificio animale è un passaggio fondamentale che agevola il processo di reincarnazione. Quanto più è importante il defunto nel villaggio, tanti più animali verranno sacrificati ecco perchè spesso le famiglie colpite dal lutto vanno in rovina sacrificando la maggior parte del loro bestiame.

La maggior parte degli abitanti di Sumba coltiva riso e frutta e nel lavoro sono impegnati proprio tutti, persino i bambini.

L’organizzazione della famiglia si poggia sulla donna che è anche impegnata in lavori di forza. Le donne sono impegante, per esempio, nella costruzione di argini al fine di evitare l’allagamento dei villaggi nella stagione delle piogge. Tale costruzione comporta il trasporto di pietre dal fiume al villaggio, percorso che può essere anche di svariati chilometri.

Il mio viaggio tra questa gente è durato quasi un anno e il primo step è stato cercare di dissimulare l’imbarazzo per i loro sguardi straniti e curiosi alla vista di un occidentale ed abituarsi ad essere motivo di fuga per i bambini e di diffidenza estrema per gli adulti. Tale diffidenza non avrebbe suscitato in me ansia, non fosse per il fatto che gli uomini di tutte le eta’ portano addosso una spada. L’ansia è passata quando ho scoperto che questa cosa fa parte della loro cultura infatti gli uomini si allenano tutto l’anno per il famoso festival chiamato Pasola nel quale tutti gli spadaccini si sfidano in duelli a cavallo.

La mia vita li è stata caratterizzata sopratutto dalla ricerca di sguardi. Bisogna saper pazientemente lavorare per smantellare e abbattere i muri di diffidenza, differenza e preconcetto che separano persone apparentemente così diverse, ma poi peró, tra le macerie di questi muri ci si scopre esseri umani decisamente simili e allora si comprende il valore di uno sguardo e stare occhi negli occhi sembra nutrire l’anima.